Dalla Sedia a Rotelle al Sinister: L’Importanza della Forza Mentale – Di Malou Fehlbaum, SFG I

Malou esegue il one-arm kettlebell swing

Nel giugno 2003, mi sono infortunata durante il mio apprendistato per diventare una camionista. Un masso di 830 kg, le dimensioni di una botte di rovere, è caduto dal mio camion e mi ha colpito sulla parte bassa della schiena mentre ero in piedi protesa in avanti. Il risultato sono state tre vertebre rotte, un bacino rotto e entrambe le gambe rotte fino alle dita dei piedi. Nel punto in cui il masso ha colpito il mio corpo c’era anche un buco attraverso il quale si potevano vedere carne e ossa. Ho passato cinque settimane in coma, ho avuto tre arresti cardiaci e poi circa 50 interventi chirurgici, dopo i chirurghi mi hanno detto: “Non camminerai mai più”.

Ma pochi mesi dopo, mentre ero in un centro medico specializzato per paraplegici, ho iniziato a riprendere sensibilità ai piedi. I miei medici non mi credettero fino a quando non eseguirono dei test di sensibilità con degli aghi. Non sono riusciti a spiegare cosa fosse successo, ma hanno concluso: “Potresti essere in grado di camminare di nuovo. Ma non senza le stampelle”.

Il perfetto setup per lo swing

Poi sono stata mandata in un centro di riabilitazione dove ho imparato di nuovo a camminare. È stato un processo molto lungo, ma ho lasciato quella struttura dritta in piedi! Il giorno in cui finalmente sono tornata a casa (con le stampelle) sono passata in ospedale per ringraziare il personale medico che si è preso cura di me. Hanno apprezzato il gesto, ma mi hanno detto: “Sei tu quella che devi ringraziare. Senza la tua volontà, niente di tutto questo sarebbe stato possibile”. In quel momento, ho davvero realizzato il potere della forza della mente.

Per quanto posso ricordare, ho sempre avuto una volontà forte che mi ha guidato nella vita. Semplicemente non mi ero resa conto di quanto possa essere forte quella spinta, di come possa davvero fare la differenza. Tra sopravvivere o morire, tra camminare o sedersi su una sedia a rotelle, tra il raggiungimento o meno dei propri obiettivi. Credo che tutti noi abbiamo questa forza nel nostro profondo. Per alcuni fortunati come me, per qualsiasi motivo, viene naturale. Non dobbiamo davvero lavorarci. Altri hanno bisogno di trovare un modo per “sbloccare” questa forza attraverso la psicologia, il life coaching, lo sport o qualunque cosa funzioni per loro.

Nel 2005 camminavo da sola, senza alcun tipo di assistenza. Niente stampelle. Per i successivi dieci anni ho vissuto una vita normale, ma mi sono trattenuta per paura che il mio corpo non fosse solido come prima dell’incidente. Avevo ancora un dolore quotidiano alla schiena e all’anca e la paura costante che il mio corpo si sarebbe spezzato in qualsiasi momento. Volevo fare qualcosa per cambiare questo. Volevo diventare più forte. Nel 2014 hanno detto che sarei stata un pazza a provare uno sport di forza dopo aver rotto più ossa nel mio corpo di quante ne potessero contare! Mi hanno detto: “Hai trent’anni, ma le tue articolazioni sono quelle di un cinquantenne”. La loro scarsa mentalità ha quasi spezzato la mia anima e i miei sogni. Erano quelli di cui mi fidavo per prendersi cura del mio corpo. “Essi” erano professionisti della salute.

Ma in me stava crescendo una mentalità migliore e un giorno ho detto: “Basta!” chiamando a raccolta la volontà di riprendermi il mio corpo e la mia vita. Mi sono immersa profondamente nell’allenamento della forza. CrossFit, weightlifting, powerlifting, persino le discipline degli strongmen! E certamente i kettlebell (già i miei preferiti anche allora). Mi sentivo meglio ogni giorno. Più forte, più veloce, più flessibile. Ho concentrato il mio allenamento sulla qualità piuttosto che sulla quantità in modo che il mio corpo potesse acclimatarsi in sicurezza e ricominciare a vivere davvero.

Allora una tipica settimana d’allenamento includeva pratica con kettlebell per una sessione, uno o due allenamenti di CrossFit, un allenamento specifico per strongman e un corso di weightlifting Olimpico. Dopo solo un anno e con un peso di soli 75kg, sono stata in grado di eseguire stacchi con il bilanciere con oltre 100kg, eseguire il back squat con 80kg e il farmer carry con 120kg. Chiaramente, mi sentivo già molto meglio nel mio corpo e nella mia vita in generale. Ovviamente il mio corpo non è perfetto, soprattutto dopo queste ferite, ma di chi lo è? Raggiungere la perfezione è un’illusione personale e irrazionale che nessuno potrà mai realizzare. Ma finché puoi muoverti e migliorare, troverai ciò che è perfetto per te in quel momento. Cerca la perfezione nei tuoi movimenti, non nel tuo aspetto.

 

Il back swing

Nel 2017 ho scoperto la filosofia di StrongFirst e di Pavel Tsatsouline che ha parlato direttamente al mio cuore. Ho capito subito che questo era il metodo giusto per me e ho sentito che dava al mio corpo una seconda vita di cui sono così grata. Sono grato di aver incontrato insegnanti così incredibili che mi hanno aiutato a completare la Sinister challenge, ma, cosa più importante, arrivare al livello di fisicità che mi piace oggi. Questi insegnanti hanno condiviso con me un programma di studi che cambia la vita che mi ha aiutato a ritrovare una vita soddisfatta, sana e forte.

Ora diamo uno sguardo più da vicino al mio piano d’allenamento, da Simple a Sinister. Tutto è iniziato nel novembre 2019, dopo la mia ricertificazione SFG I a Praga. Pavel Macek, il Master Instructor, ha detto a noi studenti alcune volte che dovremmo provare Simple, per vedere se “non siamo così deboli”. Come mi ha suggerito durante il corso, l’ho provato per la prima volta senza cronometrarmi e alla fine mi sono sentita abbastanza felice con me stessa. Quindi, ho deciso di concedermi circa un anno per lavorare verso il Sinister. Questo mi ha dato circa 50 settimane per passare dallo swing a un braccio con 24kg e dal get-up con 16kg rispettivamente a 32kg e 24kg.

Di solito mi alleno cinque volte a settimana oltre alle mie altre attività. Ho passato le prime due settimane a lavorare con i pesi per il Simple, giusto per raggiungere i requisiti relativi al tempo. Dopo di che mi restavano 48 settimane per raggiungere il mio obiettivo, durante le quali ho aggiunto una serie con un kettlebell più pesante ogni tre settimane. Questo mi avrebbe portato al Sinister in 30 settimane. Come istruttrice subacquea professionista viaggio in tutto il mondo e non ho mai saputo veramente quando e quanto spesso sarei stata in grado di allenarmi, quindi le restanti 18 settimane avrebbero agito come un margine di sicurezza per raggiungere la mia scadenza.

Ogni volta che aggiungevo una serie più pesante, per le prime due settimane iniziavo facendolo senza badare al tempo impiegato, impostando un timer per migliorare i tempi se possibile. E poi lo eseguivo in modo effettivo per almeno una settimana per prendere confidenza con il tempo. Questo era il piano! E sappiamo tutti che la prima cosa che muore sul campo di battaglia è il piano di battaglia. Tutto funzionava come un orologio fino a giugno 2020, quando ho ricevuto una notizia inaspettata: i miei medici mi hanno diagnosticato un cancro al seno.

 

Il one-arm swing

A quel tempo, stavo facendo tre serie da 10/10 di swing con il kettlebell da 32kg e tre get-up per lato con il 24kg. Eseguivo le serie rimanenti rispettivamente con il 28kg e il 20kg. Mancavano ancora circa sei settimane alla scadenza per il Sinister e sapevo che dovevo portare a termine la sfida prima di iniziare il trattamento. La chirurgia e/o la radioterapia mi costerebbero così tanta energia e forza che essenzialmente dovrei cominciare il mio allenamento dall’inizio. Quando mi sono posta un obiettivo nella vita, non raggiungerlo non è mai stata un’opzione, non importa quello che serve. Quindi, ho deciso di provare la sfida con i pesi del Sinister. Ho iniziato senza preoccuparmi del tempo e sono stata in grado di farcela!

Entusiasta, ho trascorso due settimane (con un giorno di riposo in più) allenandomi esclusivamente con i pesi per il Sinister, ogni giorno più velocemente per raggiungere i requisiti di tempo della sfida. La prima volta che ci sono riuscita, non c’era né fotocamera né pressione. L’ho provato solo per me stessa. Poi, quando ho deciso che avrei affrontato la sfida riprendendomi con la telecamera, ho preso un paio di giorni di riposo completo per portare la situazione a mio favore. Nonostante tutto questo, ho fallito in quel tentativo! Gli ultimi 20 swing sembravano infiniti e il primo get-up è stato un disastro. Ho deciso di fermarmi, perché era più sicuro. In più stavo bollendo di rabbia dentro di me. Tuttavia, cadere non è importante finché ti rialzi in piedi.

È così che, la sera del 16 Luglio, dopo aver lavorato nove ore, alla fine della settimana e senza tre giorni di riposo, l’ho fatto di nuovo. E questa volta la fotocamera era accesa! Non mi sono mai sentita così bene e a mio agio durante tutti i 16 minuti! Questa facilità mi ha fatto sentire fiduciosa mentre aspettavo la risposta dei nostri Master per dirmi se la performance era abbastanza buona. E l’e-mail di congratulazioni che ho ricevuto da Brett Jones pochi giorni dopo è stata la ciliegina sulla torta!

 

Malou esegue il get-up

Napoleon Hill ha detto: “Il corpo ottiene ciò che crede la mente”.

La nostra forza mentale è come le ali che ci trasportano quando la vita è una tempesta. Non importa quello che potresti affrontare, sarai sempre in grado di affrontarlo a testa alta, qualunque cosa la vita metta sul tuo cammino.

Anche nei giorni più bui, nei momenti più difficili, fidati di te stesso, credi in te e il mondo ti spalancherà le sue porte!

Con la mia forza mentale e fisica non sto nemmeno pensando a un esito negativo nella mia prossima battaglia per la salute. Sicuramente perderò alcune piume, ma le mie ali mi sosterranno comunque. E le piume alla fine ricrescono.

Questo è il messaggio più importante della mia storia e mi sento fortunata di poterlo condividere con voi.

 

Kettlebell Simple & Sinister: Revised & Updated Edition

Malou Fehlbaum


 

Malou Fehlbaum è un’istruttrice di immersioni subacquee di 35 anni nata in Svizzera, ex agente della polizia di frontiera nell’unità K9 ed ex camionista. Ha scoperto una passione per l’allenamento della forza, in particolare con i kettlebell, nel 2015 attraverso il CrossFit e ha ricevuto il suo SFG I nel 2017. Da allora, ha concentrato il suo allenamento sui kettlebell perché sono lo strumento più efficiente da utilizzare come viaggiatore del mondo. Nel Luglio 2020, Malou ha completato con successo il “Sinister”.

Recommended Posts